Chi vincerà la battaglia dei videogiochi: consoles o giochi mobile?

1034

Sì, i giochi mobile sono sicuramente sulla cresta dell’onda, fruiti dai nanerottoli più svegli tanto quanto dalle nonnette nerd appassionate di tablet. Il mondo mobile è così potente che persino i bambini stanno piano piano abbandonando la televisione per i cartoni animati su supporti mobile. È innegabile che l’impennata del mobile gaming ha riportato in auge il mondo dei videogiochi.

Tale successo ha impensierito più di un esperto perché questo contesto rappresenta una sfida per i produttori di console di gioco come Xbox One, PS4, o la Nintendo Wii U. Sono in molti a pensare infatti che il rapido sviluppo del mobile gaming possa quasi decretare la fine del mercato delle console.

Questo articolo è disponibile anche in Spagnolo

A seguire analizziamo perché tale crescita dovrebbe preoccupare (oppure no) l’industria del console gaming.

Innanzitutto, a parlare sono gli innegabili fatti che dimostrano come i giochi sul mobile stiano scalzando le console di gioco dal mercato. Ad esempio, aziende come la Sony PSP e la Nintendo DS hanno visto decrescere i propri utenti se compariamo i risultati degli smartphones e dei tablets. Per alcuni, i giochi mobile stanno facilmente superando i propri limiti grazie alla vasta scelta a disposizione. I giochi mobile stanno diventando così sempre più convenienti in termini di costi, disponibilità, tecnologia e fruibilità. Per questo, un recente articolo pubblicato su Crackberry.com lancia la provocazione: E se i telefonini rendessero le varie PS4, Xbox One e Wii U l’ultima generazione delle console di gioco?

Secondo Daniel Rubino della Windows Phone Central, visti i numerosi sviluppi tecnologici i giochi mobile soddisfano la richiesta e le aspettative dei consumatori. Adattandosi al mercato di massa degli smartphones, trovano facilmente investitori pronti a investire su giochi di qualità. Il settore mobile ha trovato quindi nel mercato dei videogiochi un contesto di grandi opportunità. Rene Ritchie, caporedattore di iMore, crede che proprio la mobilità sia l’elemento che device come smartphones e tablets useranno per dominare il mercato.

E’ pur vero che non tutti gli esperti concordano su un futuro senza consoles. Infatti, le consoles di gioco sono ancora preferite sui giochi mobile. Per i meno esperti, il potente disco rigido delle consoles è indubbiamente superiore a quello dei mobile games. In aggiunta, non presentano i limiti che smartphones e tablets hanno in termini di durata del gioco, durata della batteria e spazio di salvataggio.

Se tutte queste caratteristiche tecniche rafforzano la posizione delle console nel mercato del videogioco, c’è un ulteriore motivo (ancor più importante) da considerare: la user experience. La verità è che difficilmente i consumatori abbandoneranno le proprie console e la loro usabilità per un tablet o un cellulare. In altri termini, esistono due chiare nicchie di mercato nell’industria del videogioco: gli acerrimi della console e i giocatori casuali da telefonino.

Così, molti altri considerano il futuro di questo mercato come una coesistenza pacifica tra il settore console e l’industria del mobile. Anders Jeppsson, a capo del settore gioco per la BlackBerry, dichiara che il mondo del mobile, “apporta semplicemente qualcosa di nuovo e diverso rispetto ai computer e alle console.” Di certo la rivoluzione del mondo mobile ha reso l’industria del videogame dinamica e rinnovata – ciò vuol dire che le nostre amate console non spariranno, non preoccupatevi.