Lo sviluppo agile, che una volta era strettamente legato al software, diventa ora parte integrante di un’organizzazione aziendale per numerose società. Abbiamo messo insieme alcuni dei suoi principi e valori fondamentali che ci aiuteranno a capire il motivo per cui l’Agile continua ad essere così utilizzato e perché è al centro dell’attenzione delle aziende.

 

La nostra serie Agile continua, dopo gli articoli introduttivi sull’Agile, il knowledge working e il DevOps. Oggi ci concentriamo sui principi fondamentali di questa metodologia, che sta diventando una parte inseparabile delle vision aziendali che vogliono lavorare meglio, e in maniera più veloce ed efficiente.

Cominciamo con il Manifesto Agile:

 

agile-manifesto

 

Queste importanti linee guida in realtà non riguardano il project management, ma la necessità di ripensare i modi di pensare nelle aziende, abbracciare la cultura della flessibilità e il cambiamento al fine di aumentare le possibilità di successo. I principi Agile sono stati utilizzati nel decennio passato da team di sviluppo relativamente piccoli, ma le aziende di oggi si affacciano all’Agile per aumentare l’efficienza e il time to market.

Una interessante ricerca annuale “State of Agile” di VersioneOne mostra i benefici reali che le organizzazioni hanno sottolineato e che hanno portato all’adozione dell’Agile. L’indagine mostra che negli ultimi quattro anni, questi sono i tre principali benefici dello sviluppo agile:

  1. La capacità di gestire priorità che cambiano (87%)
  2. La produttività del Team (84%)
  3. La visibilità del progetto (82%)

Anche il 53% degli intervistati ha dichiarato che la maggior parte dei loro progetti agili hanno avuto successo. Quando è stato chiesto che cosa porta l’agile a fallire, il 44% degli intervistati ha sottolineato la mancanza di esperienza con i metodi agili.

agile-benefits

 

Quando si tratta di valutare il successo di un singolo progetto, la maggior parte degli intervistati mettono l’accento sulla velocità, l’iterazione burndown e il rilascio burndown, mentre il successo complessivo è stato determinato soprattutto dalla consegna nei tempi stabiliti, la qualità del prodotto  e la soddisfazione del cliente.

VersioneOne si concentra anche sulle metodologie di scala preferite: la maggioranza usa Scrum (69%), seguito da metodi interni (25%), SaFe (19%), e Lean (18%). Quando si tratta delle tecniche più utilizzate quotidianamente l’80% degli intervistati ha citato gli standup quotidiani, seguiti da 79% che indicano l’uso di brevi iterazioni e la prioritizzazione del backlog.

Un segmento molto interessante della ricerca si basa sui motivi principali che portano al fallimento di progetti agili: il 44% degli intervistati ha indicato la mancanza di esperienza con i metodi agili. Due delle prime cinque cause del fallimento sono stati collegati alla cultura aziendale – filosofia aziendale o della cultura in contrasto con i valori fondamentali agili al 42% e la mancanza di sostegno alla transizione culturale al 36%. Queste statistiche mostrano che il passaggio all’agile non può essere parziale, deve essere una completa adozione della mentalità agile, che permette a tutti i team di reagire e adattarsi rapidamente, di pianificare e prendere decisioni insieme verso un prodotto che funzioni e di qualità.

Resta sintonizzato per non perdere altri interessanti approfondimenti e interviste su come la nostra azienda sta adottando la cultura agile. Nel frattempo controlla i nostri precedenti articoli.